Vai al contenuto Vai alla navigazione

A causa dell'elevato numero di ordini ricevuti le consegne potrebbero subire dei ritardi

divide-cover-desktop.jpg
THE DIVIDE

LO SPAZIO NEL MEZZO

Lo spazio tra le immagini è dove la MIA storia sembra sempre giacere. Non scatto foto nei momenti in cui mi diverto di più o nei momenti in cui intrattengo conversazioni piacevoli e interessanti con qualcuno. Cado volentieri vittima dell'esistere in quel momento e di quella felice distrazione. Naturalmente, ci sono momenti in cui la conversazione e l'esperienza devono lasciare il posto alle immagini, ma in ogni grande avventura in bicicletta che abbiamo vissuto, ci sono momenti che sfuggono alle immagini e che esistono solo nella mia memoria.

Per numerose fantastiche ragioni, in questo viaggio ce ne sono molti ma uno dei miei preferiti in assoluto è arrivato nei momenti finali del primo giorno, dopo una salita brutale e un epico attraversamento dell'alta via del Great Glen Way. Siamo scesi a Fort Augustus su un sentiero. Sento che sto facendo un torto a questo tratto di sentiero chiamandolo solo sentiero, perché penso che potrebbe essere il sentiero gravel che ognuno vorrebbe percorrere. Era una strada di terra compatta, così liscia che in alcune sezioni sembrava quasi asfaltata. Ci siamo precipitati giù attraverso la foresta sempre più buia - ognuno di noi seguendo la ruota davanti - provando una sensazione di incredulità ed aspettativa che sembrava dovesse finire DA UN MOMENTO ALL'ALTRO. Ma persisteva - e persisteva - e persisteva.

Non ho mai provato niente del genere su una bici da gravel - e sto già sognando ad occhi aperti come sarà la prossima volta, se mai ci sarà.

Eravamo tutti euforici - LAMPADE DI FELICITÀ che brillavano nell'oscurità - urlando - wow - semplicemente stupefatti per ciò che avevamo appena vissuto. È stato un bel finale per un giorno che poteva essere descritto solo come uno dei miei preferiti di tutti i tempi.

E questa era solo la fine del primo giorno.

GREAT GLEN WAY

Riavvolgiamo indietro il nastro. Cos'è questo Badger Divide? È un percorso principalmente off-road che collega la città di Inverness nelle Highlands scozzesi alla città di Glasgow, circa 335 chilometri più in là. Noi l'abbiamo fatto percorrendo 465 chilometri in cinque giorni grazie ad una giornata extra nella zona imperdibile delle Trossachs e nel villaggio soprannominato "Gravelfoyle"... più alcune deviazioni e aggiunte lungo il percorso.

Il percorso è stato creato da Stu Allan, che sembra ammettere con piacere di aver applicato il classico "le dita non si contraggono quando si traccia un percorso sul computer, ma le gambe sicuramente sì nella vita reale". Queste le sue parole: "La prima versione del Badger è stata un tentativo un po' alla cieca su RideWithGPS. In realtà avevo pianificato di inventarlo come svago con l'Edinburgh Fixed Gear Crew".

Mi fermo un attimo per riprendermi dopo aver immaginato gli orrori di questo percorso su una bicicletta a cambio fisso.

Avanti!

Per quanto riguarda il nome stesso, è un gioco di parole che fa riferimento alla Baja Divide del Messico, un percorso che non potrebbe essere più diverso se ci avessero davvero provato. Penso che ci piacerebbe questo tipo, Stu Allan.

Il primo giorno è pieno di divertenti singletrack. È anche pieno di alcune salite ripide piuttosto difficili - soprattutto l'ultima salita che ti porta sulla High Line verso la fine della giornata, poco prima di arrivare a Fort Augustus. Non aver paura di camminare un po', perché i dieci minuti circa di camminata (al massimo) che dovrai fare valgono veramente la pena. Questo sentiero è veramente il paradiso.
divide-1-desktop.jpg
divide-2-desktop.jpg
divide-3-desktop.jpg
divide-4-desktop.jpg
divide-5-desktop.jpg
divide-6-desktop.jpg
divide-7-desktop.jpg
divide-9-desktop.jpg
divide-8-desktop.jpg

SINGLE TRACK

Non so cosa ci sia di particolare in Scozia, ma sembra che molti anni fa abbiano costruito appositamente molte strade che funzionano come sentieri ghiaiosi. So che non è la verità, ma è divertente immaginare qualcuno che costruisce accidentalmente qualcosa di perfetto per qualcuno lontano nel futuro. Molto spesso, con le bici da sterrato, ci troviamo in situazioni un po' complicate (e non necessariamente in modo negativo), ma sicuramente sottodimensionate. Con il Badger, però, è come vincere alla lotteria scoprendo quante sezioni di track "quasi singolo" (io lo chiamo mezzo single track) ci sono lungo il percorso, relativamente lisce, prive di persone e semplicemente divertenti da percorrere.

Ovviamente, questa gigantesca terra con pochissime persone ha la sua buona dose di "strade" e "sentieri" selvaggi. Ho attraversato abbastanza dossi e urti per sapere che non è tutto bianche nuvole soffici e angeli che cantano melodie natalizie.

Per quanto riguarda le Highlands scozzesi, vai qui se vuoi scappare dal mondo. È una delle aree meno popolate d'Europa, con soli 9 esseri umani per chilometro quadrato. L'Inghilterra ha 424, i Paesi Bassi 421, il Belgio 376, la Germania 232 e l'Italia si attesta sui 200. Quando entri nelle Highlands, sembra che lasci il mondo pazzo alle spalle e al suo posto trovi tutte le strade sterrate e i sentieri che riesci a gestire, e quando incontri altre persone, sembrano essere alcune delle persone più gentili che tu abbia mai incontrato.
divide-10-desktop.jpg
divide-14-desktop.jpg
divide-11-desktop.jpg
divide-12-desktop.jpg
divide-13-desktop.jpg
divide-15-desktop.jpg
divide-16-desktop.jpg
divide-17-desktop.jpg
divide-18-desktop.jpg

CORRIEYAIRACK, PARTE I

Abbiamo iniziato il secondo giorno con la prova più difficile del percorso - anche se, guardando indietro, direi che le salite della Great Glen Way nel primo giorno erano MOLTO più difficili, ma il Passo Corrieyairack vince perché è imponente e probabilmente la salita su sterrato più famosa della Scozia? È un'esagerazione? Non credo sia troppo lontano dalla verità. Certamente è difficile da scrivere correttamente.

È successo così tanto in così poco tempo che sarebbe un totale smacco per l'esperienza se non lo presentassi come una serie divisa in tre parti... intervallata da frammenti essenziali dell'intero percorso. Se sei arrivato fin qui, non hai fretta particolare.

Tornando alla storia: l'inizio del secondo giorno ci ha visti affrontare la salita più grande del nostro viaggio, la vecchia strada militare che attraversa il Passo Corrieyairack, voluta dal Generale Wade nel 1731. L'abbiamo affrontata dal lato più lungo e vertiginoso, partendo da Fort Augustus. L'altro lato è più breve, ma è MOLTO più accidentato. Abbiamo goduto della salita più morbida e lunga per iniziare la nostra mattinata. Credevamo persino che l'alba splendida e le nuvole colorate del mattino fossero un segno di una giornata d'oro nelle Highlands.
divide-19-desktop.jpg
divide-20-desktop.jpg
divide-21-desktop.jpg
divide-22-desktop.jpg
divide-23-desktop.jpg
divide-24-desktop.jpg
divide-25-desktop.jpg
divide-26-desktop.jpg
divide-27-desktop.jpg

FORESTE MAGICHE

Il nome Highlands per sua stessa natura sembra escludere l'idea di foreste magiche, ma fidati di me, le foreste sono abbondanti e sono davvero speciali. Fitte, profonde, oscure. Odio dover scegliere tra le foreste, le lande aperte, le valli o i laghi. Per fortuna, tutto è così vicino l'uno all'altro che non devi mai scegliere! Puoi avere tutto, continua a pedalare: è probabile che a trenta colpi di pedale lungo la strada/sentiero troverai una nuova scena sorprendente, bellissima e diversa.
divide-28-desktop.jpg
divide-29-desktop.jpg
divide-30-desktop.jpg
divide-31-desktop.jpg
divide-32-desktop.jpg
divide-33-desktop.jpg
divide-34-desktop.jpg
divide-35-desktop.jpg

CORRIEYAIRACK, PARTE II

Approssimativamente diciassette minuti (potrei sbagliarmi, potrebbero essere dieci minuti) dopo aver previsto una giornata di sole nel paradiso, l'orbe dorato scomparve, le nuvole si accumularono e poco dopo iniziò a piovere. C'era un momento di circa cinque secondi in cui sole e pioggia si fusero, e per caso avevo la mia macchina fotografica in mano e ho potuto vedere una delle rappresentazioni luminose più belle che abbia mai visto.

Parlando di luce - non ho mai visto una luce più bella da nessuna parte nella mia intera vita. Il clima in continua evoluzione (e intendo veramente in continua evoluzione) crea questa magica combinazione di nuvole e sole e aria pulita e fresca (a causa della pioggia incessante). Sono un convinto sostenitore che il mutare delle condizioni atmosferiche produca la luce più bella - e la Scozia è il pilastro della mia tesi.
divide-36-desktop.jpg
divide-37-desktop.jpg
divide-41-desktop.jpg
divide-38-desktop.jpg
divide-39-desktop.jpg
divide-40-desktop.jpg
divide-42-desktop.jpg
divide-43-desktop.jpg

PAUSA PER LE SQUASHIES!

"Morbide, fruttate e naturalmente, soffici! Queste deliziose caramelle marshmallow Smarties Squashies presentano un dolce e zuccherato sapore di lampone e una consistenza irresistibilmente masticabile, davvero la caramella snack perfetta!"

Tutti coloro che non fanno parte del nostro contingente britannico hanno ricevuto una lezione di vita a due terzi del percorso di Corrieyairack Pass grazie a Fraser. Grazie, Fraser, per ampliare i nostri orizzonti zuccherini e fornirci i carboidrati necessari per proseguire nell'oscurità.
divide 44

CORRIEYAIRACK, PARTE III

Proprio quando sembrava che ce la saremmo presa in pieno e stavamo per subire un'imponente sferzata meteorologica, abbiamo iniziato la discesa e quasi immediatamente abbiamo potuto vedere il sole spuntare tra la foschia. La discesa è caratterizzata da una superficie stradale brutale: rocce, attraversamenti di enormi corsi d'acqua, rocce più grandi, tornanti, rocce delle dimensioni di tartarughe marine e le onnipresenti linee elettriche. Quando penso a Corrieryairack, penso a una bellissima solitudine, a una scalata severa e alle linee elettriche. Sono tutte cose che vanno un po' insieme.
divide-45-desktop.jpg
divide-47-desktop.jpg
divide-51-desktop.jpg
divide-52-desktop.jpg
divide-46-desktop.jpg
divide-53-desktop.jpg
divide-48-desktop.jpg
divide-49-desktop.jpg
divide-50-desktop.jpg

STAZIONE FERROVIARIA DI CORROUR

Quindi, la prima parte del secondo giorno è stata piuttosto movimentata. Eravamo solo a circa 40 chilometri della nostra giornata di 120 chilometri quando abbiamo terminato la parte di Corrieyairack.

È qui che la realtà mi ha colpito in pieno volto. Ero stanco e in silenzio preso dal panico.

Tuttavia, alla fine si è risolto, come sembra sempre accadere. Sono semplicemente risalito in sella alla mia bicicletta e ho iniziato a pedalare, lasciando che il gruppo riportasse sorrisi ed energia - e gradualmente è tornato tutto.

Ho percorso la maggior parte di questa sezione in uno stato di stordimento e spossatezza, ma la bellezza filtrava ancora nella mia mente confusa. Ne ero affascinato, con lo sguardo fisso, senza sapere come fare una foto senza fare una produzione di tutto ciò, cioè scendere dalla bici e risalirci nuovamente. Quindi abbiamo semplicemente continuato a pedalare, e io mormoravo "wow" molte volte. È stato un momento divertente per intraprendere una ricerca interiore - un momento davvero splendido, questo è certo.

Guardando indietro alle immagini ora, le amo e vorrei tornarci, ma è anche molto semplice fare un passo a destra e improvvisamente ritrovarsi nelle parole di Robert Louis Stevenson in Kidnapped: "Un deserto dallo sguardo più stanco che un uomo abbia mai visto".
divide-54-desktop.jpg
divide-55-desktop.jpg
divide-56-desktop.jpg
divide-57-desktop.jpg
divide-58-desktop.jpg
divide-59-desktop.jpg
divide-60-desktop.jpg
divide-61-desktop.jpg

RANNOCH MOOR

Mi sentivo significativamente meglio dopo il nostro pranzo estremamente rilassante alla stazione. Quasi ringiovanito. Siamo partiti avvolti nei nostri abiti e tremanti e abbiamo iniziato la ripida salita lontano dal Loch Ossian - e mi è piaciuto. Era selvaggio e ruvido, e la definizione di "doppio sentiero" sembrava quasi un nome fuorviante, perché i due sentieri erano così divisi dall'erba alta - sembrava una sorta di sfida tra singoli sentieri. Ci ho riflettuto parecchio.

Non sei mai lontano dalle brughiere nelle Highlands. Un'area definita come terra non boscosa né coltivata. Immagina vaste distese aperte con una vegetazione bassa e cespugliosa e un bel tocco di erica.

E nel gioco della solitudine e della bellezza, la brughiera di Rannoch occupa una posizione molto alta.

Undiscovered Scotland lo dice in modo migliore di quanto potessi mai immaginare: Si dice che l'umore del paesaggio scozzese dipenda più dal tempo atmosferico che da qualsiasi altro posto sulla terra. E la brughiera di Rannoch è probabilmente l'esempio più estremo di questo.

La cosa interessante della Scozia è che in circa un'ora di pedalata puoi vivere TUTTI gli umori - almeno, credo sia lecito dire che li abbiamo vissuti durante il nostro tragitto dalla stazione di Corrour al Loch Rannoch. Abbiamo avuto una profonda tristezza, un raggio di sole verso la fine della giornata e poi le nuvole sono ritornate e il grigio si è stabilito per il resto del tempo.

La discesa dalla parte alta fino al Loch Rannoch verso la fine della giornata è l'ultimo vero ricordo che ho. È stata veloce e abbastanza scorrevole da sfidare gli audaci a lasciarsi andare, ma abbastanza irregolare da farvi mettere in dubbio la vostra sanità mentale e chiedervi quale fosse il senso di andare così veloci - tutto da perdere, niente da guadagnare - ma allo stesso tempo, godendo dell'adrenalina e concedendo una pausa alla prudenza per un volo (quasi) senza freni in discesa per ricordarvi che le biciclette POSSONO andare veloci.

Nota: Non ho scattato foto in questa discesa, e sì, Fraser ha avuto una foratura in fondo.
divide-62-desktop.jpg
divide-65-desktop.jpg
divide-66-desktop.jpg
divide-68-desktop.jpg
divide-67-desktop.jpg
divide-63-desktop.jpg

SORPRESE

La prossima serie è un numero a quattro parti. Si scopre che il terzo giorno è stato il mio preferito (da Kinloch Rannoch a Loch Venachar). Credo che lo sia stato anche per Ash, e non parlerò per gli altri, ma sono estremamente sicuro che nessuno pensi che questo sia stato il giorno peggiore, quindi puoi andare avanti con questa certezza.

Il terzo giorno non sembrava poter competere con la serie di superlativi dei primi due giorni, soprattutto dopo la straordinaria seconda giornata. Non c'era nemmeno così tanta strada sterrata e c'era una sezione significativa di asfalto - ugh, schifo.

Si scopre che tutte le ricerche del mondo non possono dirti tutto su un percorso. I primi quarantacinque chilometri circa di quel giorno rimarranno per sempre nella mia mente. Abbiamo iniziato pedalando lungo le tranquille sponde del Loch Rannoch prima di svoltare su una strada sterrata ancora più silenziosa. Senza saperlo, stavamo per passare vicino al Black Wood of Rannoch, che ospita alcune delle più grandi aree di antica foresta di pini in Scozia. Non siamo entrati nel bel mezzo, ma il sentiero che abbiamo seguito lungo il suo margine era mozzafiato, e avrebbe dovuto farci capire che c'era qualcosa di speciale appena un po' più a destra. Invece, abbiamo semplicemente esclamato "wow" e "oh" come al solito e abbiamo proseguito abbastanza lentamente, perché volevo scattare delle belle foto in quella foresta. Non ci sono riuscito. Ci ho provato davvero tanto, però.

PARTE I: PASSO SENZA NOME

Dopo essere usciti dalla fitta foresta, abbiamo attraversato una foresta di coltivazioni di sempreverdi, prima di entrare nelle vaste brughiere in alto. Internet mi dice che questa è la vecchia strada di Kirk. È sicuramente un valico di qualche tipo, ma non ho trovato un nome, e mi piace che esista come Passo Senza Nome (anche se sono sicuro che ci sia un nome, lasciami godermi la mia ignoranza). So però che la vecchia "strada" passa sotto le due montagne: Meall a'Mhuic (a ovest) e Beinn Dearg (a ovest).

Non so cosa ci fosse di speciale in questa sezione, ma mi ha colpito nel modo giusto. Il doppio sentiero era robusto e a volte davvero accidentato, ma sembrava che fossimo passati attraverso una sorta di portale verso un mondo in cui nient'altro esisteva: solo noi, questa solitaria stradina rocciosa, i suoi mille e uno attraversamenti di ruscelli e quei cervi sulla cresta del lato opposto della valle.

Abbiamo attraversato questa sezione disperatamente lentamente - abbiamo scattato un sacco di foto, video, chiacchierato, abbiamo persino fatto una sessione fotografica improvvisata (vedi sotto). È stato l'apice del nostro progetto di lentezza, e penso che questo possa essere uno dei motivi per cui lo amo così tanto - abbiamo avuto l'opportunità di apprezzarlo veramente e di immergerci nella sua bellezza.

La discesa è stata selvaggia e veloce, ma proprio come doveva essere. Potevi andare veloce quanto osavi, ma non ho mai voluto allontanarmi troppo dai freni - il rischio di rocce sconnesse era alto - ma la ricompensa per la velocità era ancora più grande. Credo. Forse. Non ho avuto forature - o incidenti - e mi sono divertito molto, quindi penso di aver vinto in questo caso. Questa volta.
divide-69-desktop.jpg
divide-71-desktop.jpg
divide-70-desktop.jpg
divide-72-desktop.jpg
divide-73-desktop.jpg
divide-74-desktop.jpg
divide-75-desktop.jpg
divide-76-desktop.jpg

PARTE II: RIPRESE IMPROVVISE DA NESSUNA PARTE

Voglio dire, cosa altro si suppone di fare quando si è sulla cima di una bellissima salita, lontani all'infinito da qualsiasi cosa?
divide-77-desktop.jpg
divide-78-desktop.jpg
divide-79-desktop.jpg
divide-80-desktop.jpg
divide-81-desktop.jpg
divide-82-desktop.jpg
divide-83-desktop.jpg

PARTE III: UFFICIO POSTALE DI GLEN LYON

E così, in un attimo, eravamo giù dalla nostra strada segreta e ci trovavamo su una strada asfaltata. Pochi istanti dopo, ci fermavamo in un altro momento preferito (non sto esagerando, era come un Greatest Hits Album) - il piccolo ufficio postale di Glenlyon, o più semplicemente: la casa di un caffè fantastico, dolci e pane fresco, CALDO.

A questo punto, eravamo quasi a VENTI interi chilometri della giornata, e avevamo una fame da lupi. Le scorte di Squashies erano terminate e noi eravamo disperati. La colazione da 1500 calorie era probabilmente solo a un quarto digerita, e sinceramente avevo una fame da paura.

Se non fossimo stati alla stazione di Corrour il giorno prima, questo avrebbe potuto essere il mio punto di sosta preferito di tutti i tempi, ma ora dovrà accontentarsi di essere a pari merito con Corrour, il che è sorprendente considerando che sono separati solo da circa 50 chilometri.

Non riesco a guardare questa foto del pane caldo senza provare l'opposto di un trauma. Quello potrebbe essere stato il miglior pezzo di pane che abbia mai mangiato, ma penso di averlo detto probabilmente di ogni pane caldo che abbia mai mangiato, quindi il vostro Narratore non è ufficialmente affidabile.

Scherzi a parte, era semplicemente perfetto. A questo punto, ci stavamo davvero unendo come gruppo, e una lunga pausa in una deliziosa sala da tè senza niente da fare se non stare insieme ha solo accelerato il processo. L'ho adorato. Ho amato ogni singolo istante. So che abbiamo passato molto tempo fermo durante questo viaggio, ma sono grato per ogni momento, perché penso che abbiamo trovato il modo di massimizzare il nostro tempo insieme. Se avessimo corso ogni giorno, saremmo solo arrivati prima nei nostri hotel e saremmo scomparsi nelle nostre stanze per gran parte della serata - separati e assonnati.
divide-84-desktop.jpg
divide-85-desktop.jpg
divide-86-desktop.jpg
divide-87-desktop.jpg
divide-88-desktop.jpg
divide-89-desktop.jpg
divide-90-desktop.jpg

PARTE IV: DA GLEN LYON A GLEN LOCHAY

Da qui in poi diventa ancora meglio. Non posso crederci che sto dicendo questo. Alla fine siamo riusciti a staccarci dai nostri posti nell'ufficio postale. Ash ha finalmente lasciato il suo libro sulle galline e io riluttante non ho mangiato un'intera pagnotta di pane caldo da solo.

Abbiamo iniziato a pedalare. Era freddo dopo aver lasciato il confortevole bar e il vento soffiava come non aveva fatto finora, e lo avevamo completamente di fronte. Non amavo questa nuova situazione e, considerando l'aspetto della valle di fronte a noi, non c'era molta speranza che cambiasse direzione a meno che non accadesse qualcosa di veramente spettacolare, il che sarebbe stato probabilmente negativo per noi.

Inizialmente, pensavo che avremmo dovuto prendere la via più diretta per raggiungere la diga di Ben Lawers, ma ho ricevuto alcune spinte amichevoli e una conferma molto necessaria che il resto di Glen Lyon valeva davvero i circa 15 chilometri extra.

E così è stato. Questa era la versione asfaltata della vecchia strada di Kirk che avevamo percorso in precedenza. Siamo saliti da Glen Lyon sulla strada di Lairig Nan Lunn fino a Glen Lochay, anche conosciuto come Kenknock. È stata - veramente - una delle mie strade preferite di tutti i tempi. Era solitaria, era bellissima, la strada era appena abbastanza larga per due ciclisti, non c'erano auto (ok, forse due?), e - ancora una volta - soddisfaceva tutti i miei desideri inconsci.

Non riesco a spiegarlo. Non ho una giustificazione razionale. Le immagini qui sotto sono il materiale dei MIEI sogni. Non lo sapevo fino a quando non ho vissuto scene come queste, ma presto ho capito che c'era qualcosa di più profondo nel mio amore per un luogo del genere, e non sembrava che avessi un ruolo conscio in tutto ciò. È semplicemente così.

E sono così grato di aver avuto l'opportunità di viverlo.
divide-91-desktop.jpg
divide-92-desktop.jpg
divide-93-desktop.jpg
divide-94-desktop.jpg
divide-99-desktop.jpg
divide-95-desktop.jpg
divide-96-desktop.jpg
divide-97-desktop.jpg
divide-98-desktop.jpg

MARCO

È il quarto giorno del nostro meraviglioso viaggio tra le meraviglie delle Highlands scozzesi, e Marco è esausto. Davvero esausto. La nostra mascotte non ufficiale dichiara di essere sull'orlo della morte. Decide che questo posto, tra Loch Chon e Loch Arklet nella gloriosa regione dei Trossachs, sarebbe in effetti un luogo piacevole per concludere la sua vita.

Ridiamo.

Si lascia cadere a terra.

Mangia qualche caramella.

Noi continuiamo.

Questa è una serie di immagini che fungeranno da memoriale alla sua precedente vita che ha lasciato indietro su quella ghiaia bagnata, un po' al sole, un po' sotto la pioggia.
divide-100-desktop.jpg
divide-101-desktop.jpg
divide-102-desktop.jpg
divide-105-desktop.jpg
divide-103-desktop.jpg
divide-104-desktop.jpg

GRAVELFOYLE

Giusto, il giorno bonus in cui ho ingannato tutti, convincendoli a salire tutti in bicicletta con il padrino di Gravelfoyle, Stu Thomson.

Ho un posto molto speciale nel mio cuore per Aberfoyle e Trossachs. È l'area in cui ci siamo trovati durante la nostra prima visita in Scozia nel 2019. È lì che abbiamo avuto per la prima volta l'opportunità di passare molto tempo su una bicicletta da gravel perfettamente regolata. È anche un'area che ritengo possa essere uno dei posti perfetti per guidare una bicicletta da gravel. È trascendente.

Non guasta nemmeno il fatto che abbiamo incontrato un piccolo gruppo di persone fantastiche in un periodo molto breve in questa zona. Quindi, quando abbiamo deciso di fare il Badger, sembrava che sarebbe stato un completo fallimento se non avessimo dedicato un giorno extra per esplorare l'area intorno ad Aberfoyle (scartate quella, Gravelfoyle).

Come per il resto di questo viaggio, abbiamo alternato tra laghi e valli, brughiere e foreste, sterrati, singletrack, asfalto, caffè. È stato magnifico. Potrei scrivere un intero pezzo solo su quel giorno, ma per ora lasciamo che queste immagini raccontino la mia storia.
divide-106-desktop.jpg
divide-107-desktop.jpg
divide-108-desktop.jpg
divide-109-desktop.jpg
divide-110-desktop.jpg
divide-111-desktop.jpg
divide-112-desktop.jpg

ATTRAVERSAMENTI D'ACQUA!

Ci sono alcune cose che devono essere chiarite per chiunque sogni una grande avventura nelle Highlands: i tuoi piedi si bagnano. Non c'è modo di evitarlo. Letteralmente innumerevoli ruscelli attraversano il sentiero/percorso/doppio binario/strada. Voglio dire, suppongo che si possano contare, ma richiederebbe uno sforzo straordinariamente concertato e non parlare mai con nessuno e non pensare mai a nient'altro che al tuo numero in continua crescita. Corrieyairack da solo ne avrà probabilmente cinquanta. Alcuni sono divertenti corsi d'acqua attraversabili con appena una spruzzata sui piedi, altri arrivano fino alle caviglie e altri ti vedranno camminare sulle punte dei piedi su alcune pietre ricoperte di muschio, sperando nei cieli di non scivolare e finire in quell'acqua cristallina a guardare il cielo.
divide-113-desktop.jpg
divide-114-desktop.jpg
divide-115-desktop.jpg
divide-116-desktop.jpg
divide-117-desktop.jpg
divide-118-desktop.jpg

CANCELLI!

C'è un altro ostacolo che non riesci a contare lungo il percorso e penso che potrebbe emergere vittorioso in una sfida di conteggio contro il attraversamento del ruscello: I CANCELLI. Sono ovunque. In alcune sezioni, probabilmente puoi trattenere il respiro tra un cancello e l'altro. Vengono in tutte le forme e dimensioni, con una serie comica di chiavistelli, maniglie, molle e persino scale. Agiscono come un bel limitatore nella velocità del gruppo. Se uno dei membri del gruppo inizia a rimanere un po' indietro, quando tre o quattro ciclisti sono passati, quel ciclista si sarà ripreso, avrà superato il cancello e ora sarà dieci passi avanti. Una volta superato il fatto che arrivano fitti e veloci e all'infinito, diventano divertenti... nel loro strano modo particolare.
divide-119-desktop.jpg
divide-120-desktop.jpg
divide-121-desktop.jpg
divide-122-desktop.jpg
divide-123-desktop.jpg
divide-124-desktop.jpg
divide-125-desktop.jpg

SENZA FRETTA

Questo è stato l'anti-FKT. Daniel scherzava dicendo che stavamo lavorando su un SKT, e vorrei che l'avessimo raggiunto, perché abbiamo infilato molto di più in quei cinque giorni rispetto a quanto avremmo fatto se fossimo passati veloci e poi ci fossimo seduti a girarci i pollici nelle nostre camere d'albergo ogni sera.

Amo come Sally ne parla nel meraviglioso film di Jay.

C'è questa sensazione che il bikepacking sia scomodo; è sporco; fa puzzare. Non deve essere così! Può essere una cosa fantastica, dove vai piano e te la godi.

Rilassati - non importa come lo fai.

Perdi il senso del tempo. Sembrava che intere giornate passassero, e noi stavamo pranzando alle quattro del pomeriggio.

Non c'è stress, non ci sono vincoli di tempo. Non importa che ora sia, l'importante è essere sul percorso e andare avanti... per la maggior parte del tempo.

Abbiamo spento tutto e ci siamo goduti il viaggio.
divide-126-desktop.jpg
divide-127-desktop.jpg
divide-128-desktop.jpg
divide-129-desktop.jpg
divide-128_2-desktop.jpg
divide-132-desktop.jpg
divide-133-desktop.jpg
divide-130-desktop.jpg
divide-131-desktop.jpg

ULTIMO GIORNO

Avrebbe dovuto essere la giornata di transizione. Sulla carta, il percorso da Aberfoyle a Glasgow sembra piuttosto deludente rispetto ai giorni precedenti. In effetti, il percorso del Badger È un po' deludente, ma abbiamo avuto il nostro guru dei sentieri, Stu Thomson, che ci ha consigliato un percorso migliore per Glasgow, che includeva una meravigliosa deviazione lungo l'imperdibile John Muir Way. Quindi, abbiamo avuto molto altro single(ish)track da amare e apprezzare e, tornando sul percorso giusto, siamo finiti sul sentiero escursionistico straordinariamente popolare: il West Highland Way. È anche un modo fantastico per arrivare quasi a Glasgow, portandoti vicino a Milngavie. Ora, non si pronuncia milln-gavvie. Si pronuncia: MILL-GUY... se le mie orecchie sono corrette, e probabilmente non lo sono, ma ho appena ascoltato venti pronunce online. Non posso recuperare quel tempo.

Proprio mentre stavo pensando che fosse finita e che la corsa stava per trasformarsi in un'agitazione scomoda tra il traffico frenetico di Glasgow, abbiamo incontrato l'ultima sorpresa del nostro viaggio: l'incredibile percorso che attraversa Glasgow. Non ho mai visto niente del genere. Sei nel mezzo di una grande città, ma non sembra. Sei circondato da alberi meravigliosi, muri, edifici e dal sinuoso fiume Kelvin. È probabilmente la parte più sorprendente di tutto il viaggio per me. Amo quel percorso.

Abbiamo concluso di fronte alla Kelvingrove Art Gallery and Museum, come impone la tradizione, poi abbiamo attraversato la strada e siamo entrati direttamente nel pub Brew Dog per qualche birra.
divide-134-desktop.jpg
divide-135-desktop.jpg
divide-136-desktop.jpg
divide-137-desktop.jpg
divide-138-desktop.jpg
divide-139-desktop.jpg
divide-140-desktop.jpg
divide-141-desktop.jpg
divide-142-desktop.jpg

HIP HIP URRA PER IL DIRITTO DI PASSEGGIARE LIBERAMENTE

Come un americano che trascorre molto tempo (quando siamo a casa) facendo del mio meglio per evitare le proprietà private e i cartelli di divieto di accesso, il diritto di passeggiare liberamente in Scozia è davvero una boccata d'aria fresca. La Legge sulla Riforma Fondiaria del 2003 ha codificato nella legge l'antica tradizione del diritto di accesso universale alla terra in Scozia: in altre parole, puoi camminare o andare in bicicletta ovunque, a condizione di farlo in modo responsabile. Questo percorso non sarebbe possibile senza tutto questo, nemmeno lontanamente. Per questo, sono grato. Inoltre, sono grato per i fantastici abitanti della Scozia.
divide 143

GRAZIE!

Ho iniziato pensando che questo sarebbe stato il mio discorso introduttivo, ma mi sono reso conto che potrebbe essere una degna conclusione, perché è un ringraziamento, un abbraccio e un sorriso alle persone che hanno reso questo viaggio qualcosa di molto più significativo di un semplice bel percorso in un luogo meraviglioso.

È difficile pensare a questo gruppo come a una serie di volti sfocati e sconosciuti, ma è così che è stato fino al giorno in cui ci siamo tutti riuniti in un piccolo hotel a Inverness: sconosciuti. Marco chiamava addirittura Fraser - COSÌ DETTO FRASER. Voglio dire, questi erano veramente solo nomi in una email o un messaggio. Il gruppo si è formato in una serie di fortunate coincidenze - una raccomandazione ha portato alla successiva, che ha portato a una rivelazione, che ha portato a un amico, che ha portato a un intero gruppo e a un sacco di domande - chi erano tutte queste persone e avrebbe funzionato?

Sì, sì, ha funzionato davvero bene. Infatti, è andata così bene che accetterei di fare praticamente qualsiasi cosa con questo gruppo di esseri umani di nuovo. Quindi, prima di andare avanti - grazie a tutti: Ashley, Marco, Bernhard, Daniel, Jay, Fraser, Cal e Sally.
NOTE
Parole e Foto di Jered Gruber
You can compare a maximum of 5 items at once. Please Remove at least one product before adding a new one.